Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

Laurea Triennale N46

 

  • Obiettivi specifici:

    Obiettivo del Corso di Laurea in Ingegneria Informatica è formare una figura di ingegnere con capacità professionali nelle aree dei sistemi di elaborazione, delle applicazioni software e dei sistemi telematici, capace di inserirsi in realtà produttive molto differenziate e, com'è tipico delle discipline connesse alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), caratterizzate da rapida evoluzione.
    Il laureato in Ingegneria Informatica dovrà, in generale, essere in grado di svolgere attività nella progettazione, realizzazione, gestione ed esercizio di sistemi per l'elaborazione delle informazioni. Più in particolare, obiettivi formativi specifici del corso di laurea in Ingegneria Informatica è fornire al laureato capacità professionali - nelle aree dei sistemi di elaborazione, delle applicazioni software e dei sistemi telematici - di:

    • definizione delle specifiche di progetto e realizzazione di applicazioni;
    • dimensionamento, gestione e manutenzione di sistemi e applicazioni;
    • gestione dell'introduzione di innovazioni tecnologiche connesse alle tecnologie del settore dell'informazione nelle realtà produttive – molto differenziate – in cui sarà chiamato ad operare.

    Il laureato in Ingegneria Informatica dovrà coniugare conoscenze di base, metodologiche e tecniche con competenze professionalizzanti; egli/ella opera eventualmente in team con laureati magistrali, in funzione della complessità di progetto.
    Il percorso formativo è articolato su tre anni e n. 180 CFU, di cui n. 60 CFU comuni con gli corsi di laurea nella classe L-8 (Ingegneria dell'Automazione, Ingegneria Biomedica, Ingegneria Elettronica, Ingegneria delle Telecomunicazioni), relativi agli insegnamenti delle discipline di base.
    Il percorso prevede:

    • una solida formazione nelle discipline di base: analisi matematica, fisica, geometria e algebra, informatica di base;
    • un'ampia e approfondita formazione nelle discipline ingegneristiche caratterizzanti: informatica, automatica, telecomunicazioni;
    • un'ampia formazione nelle discipline affini tipiche del bagaglio culturale di un ingegnere dell'informazione: elettrotecnica, elettronica, misure elettriche ed elettroniche.

    Più in dettaglio, il primo anno comprende insegnamenti comuni alla classe di analisi matematica, fisica generale, geometria e algebra, fondamenti di informatica, calcolatori elettronici.
    Il secondo anno, oltre a completare i crediti comuni con un ulteriore insegnamento di base di analisi matematica, fornisce le conoscenze di base e metodologiche di alcune discipline ingegneristiche (caratterizzanti o affini) tipiche del bagaglio culturale di un ingegnere dell'informazione: elettrotecnica, automazione, telecomunicazioni; il secondo anno di corso fornisce inoltre le conoscenze di base e metodologiche di discipline prettamente informatiche, quali la programmazione dei calcolatori, l'ingegneria del software, le basi di dati.
    Il terzo anno di corso completa la formazione sulle discipline affini, approfondisce quella di discipline caratterizzanti informatiche e automatiche, e da' spazio alle discipline a scelta autonoma dello studente.
    Per quanto concerne le discipline caratterizzanti informatiche, per il raggiungimento degli obiettivi formativi descritti l'offerta formativa verte su insegnamenti relativi alle aree di seguito elencate, mirando ad innestare sulle conoscenze metodologiche di base tipiche di un ingegnere sia le conoscenze (il sapere) sia le competenze (il saper fare) necessarie progettazione, realizzazione, gestione ed esercizio dei sistemi di elaborazione delle informazioni:

    • architettura dei sistemi di elaborazione e dei sistemi software di base;
    • programazione dei calcolatori, ingegneria del software, basi di dati;
    • reti telematiche.

    Complessivamente, gli obiettivi ed il percorso formativo così delineati sono perfettamente in linea con il profilo culturale dell'ingegnere informatico, che è chiaramente identificato e consolidato a livello europeo e mondiale. In particolare, essi sono in linea con il corpus di conoscenze e competenze delineato dal GII (Gruppo italiano di Ingegneria Informatica), anche alla luce di positive analoghe esperienze portate avanti in vari ambiti internazionali, quali il Curriculum Guidelines for Undergraduate Degree Program in Computer Engineering redatto congiuntamente dalla IEEE Computer Society e dalla ACM. Tale corpus è stato definito dal GII nel "Body of Knowledge" (BoK) per i percorsi di laurea in Ingegneria Informatica da parte delle Istituzioni Universitarie italiane, al fine di definire impostazioni curriculari condivise che favoriscano uniformità dei percorsi, mobilità degli studenti e mobilità nel mondo del lavoro.

  • Il corso di studio in breve:

    Il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica si propone di formare una figura di laureato in ingegneria capace di inserirsi in realtà produttive molto differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione. Egli dovrà, in particolare, essere in grado di svolgere attività nella pianificazione, progettazione, realizzazione, gestione e esercizio di sistemi per l'elaborazione delle informazioni.

    I laureati del corso di laurea in Ingegneria Informatica devono:

    • conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base ed essere capaci di utilizzare tale conoscenza per interpretare e descrivere i problemi dell'ingegneria;
    • conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi delle scienze dell'ingegneria, sia in generale sia in modo approfondito relativamente a quelli dell'area dell'ingegneria informatica nella quale sono capaci di identificare, formulare e risolvere i problemi utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati;
    • essere capaci di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di componenti, sistemi, processi;
    • essere capaci di condurre esperimenti e di analizzarne e interpretarne i dati;
    • essere capaci di comprendere l'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico-ambientale;
    • conoscere i contesti contemporanei;
    • avere capacità relazionali e decisionali;
    • essere capaci di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano;
    • possedere gli strumenti cognitivi di base per l'aggiornamento continuo delle proprie conoscenze.


    La formazione professionale del laureato in Ingegneria Informatica richiede l'acquisizione di capacità progettuali sia nelle aree delle architetture di elaborazione, che in quelle delle applicazioni e dei sistemi software ed in quelle dei sistemi e delle applicazioni telematiche. Ne deriva che un laureato in Ingegneria Informatica deve coniugare solide conoscenze di base di tipo metodologico, tecnico e scientifico con specifiche competenze professionalizzanti.

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per la proficua frequenza dei Corsi di Laurea in Ingegneria è richiesta la conoscenza dei fondamenti di aritmetica e algebra, Geometria, Geometria analitica, funzioni, trigonometria.
    È presente un test di orientamento preliminare alle iscrizioni. È prevista la valutazione della preparazione iniziale dello studente. In caso di valutazione negativa, l'iscrizione è consentita con debiti formativi. Sono previste attività di recupero degli eventuali obblighi formativi aggiuntivi.

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok